domenica 31 dicembre 2017

“Te Deum” di ringraziamento per l’anno trascorso




Te Deum laudámus: * te Dóminum confitémur.

Te ætérnum Patrem * omnis terra venerátur.

Tibi omnes Ángeli, * tibi Cæli, et univérsæ Potestátes:

Tibi Chérubim et Séraphim * incessábili voce proclámant:

(Si china il capo) Sanctus, Sanctus, Sanctus * Dóminus Deus Sábaoth.

Pleni sunt cæli et terra * majestátis glóriæ tuæ.

Te gloriósus * Apostolórum chorus,

Te Prophetárum * laudábilis númerus,

Te Mártyrum candidátus * laudat exércitus.

Te per orbem terrárum * sancta confitétur Ecclésia,

Patrem * imménsæ majestátis;

Venerándum tuum verum * et únicum Fílium;

Sanctum quoque * Paráclitum Spíritum.

Tu Rex glóriæ, * Christe.

Tu Patris * sempitérnus es Fílius.

(Si china il capo) Tu, ad liberándum susceptúrus hóminem: * non horruísti Vírginis uterum.

Tu, devícto mortis acúleo, * aperuísti credéntibus regna cælórum.

Tu ad déxteram Dei sedes, * in glória Patris.

Judex créderis * esse ventúrus.

(Il seguente verso si canta o recita in ginocchio) Te ergo quǽsumus, tuis fámulis súbveni, * quos pretióso sánguine redemísti.

Ætérna fac cum Sanctis tuis * in glória numerári.

Salvum fac pópulum tuum, Dómine, * et bénedic hereditáti tuæ.

Et rege eos, * et extólle illos usque in ætérnum.

Per síngulos dies * benedícimus te.

Et laudámus nomen tuum in sǽculum, * et in sǽculum sǽculi.

Dignáre, Dómine, die isto * sine peccáto nos custodíre.

Miserére nostri, Dómine, * miserére nostri.

Fiat misericórdia tua, Dómine, super nos, * quemádmodum sperávimus in te.

In te, Dómine, sperávi: * non confúndar in ætérnum.



V. Benedicamus Patrem et Fílium, cum Sancto Spíritu.

R. Laudémus et superexaltémus eum in sæcula.

V. Dómine, exaudi orationem meam.

R. Et clamor meus ad te veniat.

V. Dóminus vobíscum.

R. Et cum spíritu tuo.


Orémus.

Deus, cujus misericórdiæ non est númerus, et bonitatis infinítus est thesaurus: piissimæ maiestati tua pro collatis donis gratias agimus, tuam semper cleméntiam exorantes; ut, qui peténtibus postulata concédis, eósdem non déserens, ad premia futúra dispónas.


Deus, qui corda fidélium Sancti Spiritus illustratióne docuisti: da nobis in eódem Spiritu recta sapere; et de ejus semper consolatióne gaudére.


Deus, qui néminem in te sperantem, nimium affligi permittis, sed pium précibus præstas auditum: pro postulatiónibus nostris votísque suscéptis gratias agimus, te piissime deprecantes, ut a cunctis semper muniamur advérsis. Per Christum Dóminum nostrum. Amen.



sabato 30 dicembre 2017

Traslazione del corpo di san Giacomo in Spagna

Le reliquie di san Giacomo Maggiore furono traslate in Spagna, a Compostela in Galizia, nell’VIII secolo per strapparle all’avanzata maomettana. Durante tutto il Medioevo furono meta di frequentati e devotissimi pellegrinaggi. Nel 1589, su iniziativa dell'arcivescovo Juan de San Clemente, furono nascoste nel timore che il pirata Francis Drake, che aveva devastato La Coruña, potesse spingersi a rubarle per portarle come bottino all’empia sua regina Elisabetta I d’Inghilterra. Nel gennaio 1879, grazie al paziente lavoro dell'archeologo Antonio López Ferreiro furono riportate alla luce e riposte in un artistica arca. La Sacra Congregazione dei Riti, il 19 luglio 1884 emanava il decreto, approvato dal Papa, che autenticava il ritrovamento;  il che fu confermato dallo stesso Leone XIII con la bolla “Deus Omnipotentis” del 1° novembre 1884. Nel 1891 le reliquie si trovano nella cripta della Basilica Cattedrale di Compostela, dove ancora si venerano dai fedeli.


Urna d'argento con le reliquie di S. Giacomo, sec. XIX, Cripta della Cattedrale, Santiago de Compostela.

PROPRIUM MISSAE
Ex Proprium pro Hispaniarum Regno
  
INTROITUS
Tob 13, 13-14.- Luce splendida fulgebis, et omnes fines terræ adorabunt te. Nationes ex longinquo ad te venient, et munera deferentes adorabunt in te Dominum, et terram tuam in sanctificationem habebunt   ~~   Ps 150,1.- Laudate Dominum in sanctis eius; laudate eum in firmamento virtutis eius.   ~~   Glória   ~~  Luce splendida fulgebis, et omnes fines terræ adorabunt te. Nationes ex longinquo ad te venient, et munera deferentes adorabunt in te Dominum, et terram tuam in sanctificationem habebunt


Tob 13, 13-14.- D’una luce splendida brillerai e sarai adorato per tutti i confini della terra. Le nazioni remote verranno a te, portandoti doni adoreranno in te il Signore e la tua terra avranno per santa.   ~~   Ps 150,1.- Lodate il Signore nel suo santuario, lodatelo nel firmamento della sua potenza.   ~~   Gloria   ~~  D’una luce splendida brillerai e sarai adorato per tutti i confini della terra. Le nazioni remote verranno a te, portandoti doni adoreranno in te il Signore e la tua terra avranno per santa.



Gloria



ORATIO

Oremus

Deus, qui dispositione mirabili corpus beati IacobiApostoli tui de Ierosolimis ad Hispaniam transferri, et in Compostella gloriose sepeliri voluisti:concede, quæsumus; ut eius meritis et precibus in cœlesti Ierusalem collocari mereamur. Per Dominum nostrum Iesum Christum, Filium tuum: qui tecum vivit et regnat in unitate Spiritus Sancti Deus, per omnia saecula saeculorum. Amen.


Preghiamo.

O Dio, che con mirabile disposizione volesti che il corpo del tuo beato Apostolo Giacomo fosse da Gerusalemme traslato in Spagna e seppellito a Compostela: concedici, te ne preghiamo, per i suoi meriti e le sue preghiere di essere accolti nella Gerusalemme celeste. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, in unità con lo Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.


Oremus.

Infra Octavam Nativitatis.
Concéde, quaesumus, omnípotens Deus: ut nos Unigéniti tui nova per carnem Natívitas líberet; quos sub peccáti jugo vetústa sérvitus tenet.  Per eundem Dominum nostrum Jesum Christum filium tuum, qui tecum vivit et regnat in unitate Spiritus Sancti, Deus, per omnia saecula saeculorum. Amen.


Preghiamo.

Concedici, Te ne preghiamo, o Dio onnipotente, che la nuova nascita secondo la carne del tuo Unigenito, liberi noi, che l’antica schiavitù tiene sotto il gioco del peccato. Per il medesimo nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, in unità con lo Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.


LECTIO

Lectio Epistolæ beati Pauli Apostoli ad Corinthios

1 Cor 15, 39-50

Fratres:  Non omnis caro, eadem caro: sed alia quidem hominum, alia vero pecorum, alia volucrum, alia autem piscium. Et corpora cælestia, et corpora terrestria: sed alia quidem cælestium gloria, alia autem terrestrium. Alia claritas solis, alia claritas lunæ, et alia claritas stellarum. Stella enim a stella differt in claritate: sic et resurrectio mortuorum. Seminatur in corruptione, surget in incorruptione. Seminatur in ignobilitate, surget in gloria: seminatur in infirmitate, surget in virtute: seminatur corpus animale, surget corpus spiritale. Si est corpus animale, est et spiritale, sicut scriptum est: Factus est primus homo Adam in animam viventem, novissimus Adam in spiritum vivificantem. Sed non prius quod spiritale est, sed quod animale: deinde quod spiritale. Primus homo de terra, terrenus: secundus homo de cælo, cælestis. Qualis terrenus, tales et terreni: et qualis cælestis, tales et cælestes. Igitur, sicut portavimus imaginem terreni, portemus et imaginem cælestis. Hoc autem dico, fratres: quia caro et sanguis regnum Dei possidere non possunt: neque corruptio incorruptelam possidebit.


Fratelli, non ogni carne è la medesima carne; altra è la carne di uomini e altra quella di animali; altra quella di uccelli e altra quella di pesci. Vi sono corpi celesti e corpi terrestri, ma altro è lo splendore dei corpi celesti, e altro quello dei corpi terrestri. Altro è lo splendore del sole, altro lo splendore della luna e altro lo splendore delle stelle: ogni stella infatti differisce da un'altra nello splendore. Così anche la risurrezione dei morti: si semina corruttibile e risorge incorruttibile; si semina ignobile e risorge glorioso, si semina debole e risorge pieno di forza; si semina un corpo animale, risorge un corpo spirituale. Se c'è un corpo animale, vi è anche un corpo spirituale, poiché sta scritto che il primo uomo, Adamo, divenne un essere vivente, ma l'ultimo Adamo divenne spirito datore di vita. Non vi fu prima il corpo spirituale, ma quello animale, e poi lo spirituale. Il primo uomo tratto dalla terra è di terra, il secondo uomo viene dal cielo. Quale è l'uomo fatto di terra, così sono quelli di terra; ma quale il celeste, così anche i celesti. E come abbiamo portato l'immagine dell'uomo di terra, così porteremo l'immagine dell'uomo celeste. Questo vi dico, o fratelli: la carne e il sangue non possono ereditare il regno di Dio, né ciò che è corruttibile può ereditare l'incorruttibilità.


GRADUALE

Ps 33,7

Iste pauper clamavit, et Dominus exaudivit eum, et de omnibus tribulationibus eius salvavit eum.

V. Custodivit Dominus omnia ossa eius: unum ex his non conteretur.


Codesto povero ha gridato e il Signore lo ha ascoltato, lo libererà da tutte le sue angosce.

V. Ha custodito tutte le sue ossa, di esse non si consumerà alcuna.


ALLELUIA

Alleluia, alleluia.

Isai 2, 2 et 11, 10

Fluent ad eum omnes gentes, et erit sepulchrum eius gloriosum. Alleluia


Alleluia, alleluia.

A lui affluiranno tutte le genti ed il suo sepolcro sarà glorioso. Alleluia


EVANGELIUM

Sequentia    sancti Evangelii secundum Matthæum

Matth. 20, 20, 23

In illo tempore: accessit ad Iesum mater filiorum Zebedæi cum filiis suis, adorans et petens aliquid ab eo. Qui dixit ei: Quid vis ? Ait illi: Dic ut sedeant hi duo filii mei, unus ad dexteram tuam, et unus ad sinistram in regno tuo. Respondens autem Iesus, dixit: Nescitis quid petatis. Potestis bibere calicem, quem ego bibiturus sum? Dicunt ei: Possumus. Ait illis: Calicem quidem meum bibetis: sedere autem ad dexteram meam vel sinistram non est meum dare vobis, sed quibus paratum est a Patre meo.


In quel tempo, si avvicinò a Gesù la madre dei figli di Zebedeo con i suoi figli, e si prostrò per chiedergli qualcosa. Egli le disse: «Che cosa vuoi?». Gli rispose: «Di’che questi miei figli siedano uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno». Rispose Gesù: «Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il calice che io sto per bere?». Gli dicono: «Lo possiamo». Ed egli soggiunse: «Il mio calice lo berrete; però non sta a me concedere che vi sediate alla mia destra o alla mia sinistra, ma è per coloro per i quali è stato preparato dal Padre mio».



Credo



OFFERTORIUM

Eccli 44, 14

Corpora sanctorum in pace sepulta sunt, et nomen eorum vivit in generationem et generationem., alleluia.


I corpi dei santi furono sepolti in pace, ma il loro nome vive per sempre. Alleluia


SECRETA

Præsta, quæsumus omnipotens Deus: ut beati Iacobi Apostoli tui intercessione, quem ad laudem tui nominis dicatis muneribus honoramus,  piæ in nobis fructus devotionis accrescat. Per Dominum nostrum Iesum Christum filium tuum, qui tecum vivit et regnat in unitate Spiritus Sancti, Deus, per omnia saecula saeculorum. Amen.


Ti preghiamo, o  Dio onnipotente, di accrescere in noi il frutto della pia devozione per l’intercessione del tuo beato Apostolo Giacomo, che onoriamo con queste offerte  dedicate alla lode del tuo nome. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, in unità con lo Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.



Infra Octavam Nativitatis.
Obláta, Dómine, múnera, nova Unigéniti tui Nativitáte sanctífica: nosque a peccatórum nostrórum máculis emúnda. Per eundem Dominum nostrum Iesum Christum filium tuum, qui tecum vivit et regnat in unitate Spiritus Sancti, Deus, per omnia saecula saeculorum. Amen.


Santifica, o Signore, con la nuova nascita del tuo Unigenito, i doni offerti, e purificaci dalle macchie dei nostri peccati. Per il medesimo nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, in unità con lo Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.


PRÆFATIO DE NATIVITATE DOMINI

Vere dignum et iustum est, æquum et salutáre, nos tibi semper et ubíque grátias ágere: Dómine sancte, Pater omnípotens, ætérne Deus: Quia per incarnáti Verbi mystérium nova mentis nostræ óculis lux tuæ claritátis infúlsit: ut, dum visibíliter Deum cognóscimus, per hunc in invisibílium amorem rapiámur. Et ideo cum Angelis et Archángelis, cum Thronis et Dominatiónibus cumque omni milítia coeléstis exércitus hymnum glóriæ tuæ cánimus, sine fine dicéntes


È veramente degno e giusto, conveniente e salutare, che noi, sempre e in ogni luogo, Ti rendiamo grazie, o Signore Santo, Padre Onnipotente, Eterno Iddio: Poiché mediante il mistero del Verbo incarnato rifulse alla nostra mente un nuovo raggio del tuo splendore, così che mentre visibilmente conosciamo Dio, per esso veniamo rapiti all’amore delle cose invisibili. E perciò con gli Angeli e gli Arcangeli, con i Troni e le Dominazioni, e con tutta la milizia dell’esercito celeste, cantiamo l’inno della tua gloria, dicendo senza fine


COMMUNICANTES DE NATIVITATE

Communicántes, et diem sacratíssimum celebrántes, quo beátæ Maríæ intemeráta virgínitas huic mundo édidit Salvatórem: sed et memóriam venerántes, in primis eiúsdem gloriósæ semper Vírginis Maríæ, Genetrícis eiúsdem Dei et Dómini nostri Iesu Christi: sed et beati Ioseph eiusdem Virginis Sponsi, et beatórum Apostolórum ac Mártyrum tuórum, Petri et Pauli, Andréæ, Iacóbi, Ioánnis, Thomæ, Iacóbi, Philíppi, Bartholomaei, Matthaei, Simónis et Thaddaei: Lini, Cleti, Cleméntis, Xysti, Cornélii, Cypriáni, Lauréntii, Chrysógoni, Ioánnis et Pauli, Cosmæ et Damiáni: et ómnium Sanctórum tuórum; quorum méritis precibúsque concédas, ut in ómnibus protectiónis tuæ muniámur auxílio. Per eúndem Christum, Dóminum nostrum. Amen.


Uniti in una stessa comunione celebriamo il giorno santissimo nel quale l’intemerata verginità della beata Maria diede a questo mondo il Salvatore; e veneriamo anzitutto la memoria della stessa gloriosa sempre Vergine Maria, Madre del medesimo nostro Dio e Signore Gesù Cristo: del beato Giuseppe Sposo della stessa Vergine, e  dei tuoi beati Apostoli e Martiri: Pietro e Paolo, Andrea, Giacomo, Giovanni, Tommaso, Giacomo, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Simone e Taddeo, Lino, Cleto, Clemente, Sisto, Cornelio, Cipriano, Lorenzo, Crisógono, Giovanni e Paolo, Cosma e Damiano, e di tutti i tuoi Santi; per i meriti e per le preghiere dei quali concedi che in ogni cosa siamo assistiti dall'aiuto della tua protezione. Per il medesimo Cristo nostro Signore. Amen


COMMUNIO

Isai 55, 5

Gentes quæ te non cognoverunt ad te current, propter Dominum Deum tuum, et Sanctum Israël, quia glorificavit te.


Accorreranno a te popoli che non ti conoscevano a causa del Signore, tuo Dio, del Santo di Israele, perché egli ti ha onorato.


POSTCOMMUNIO

Oremus

Deus, qui beatum Iacobum Apostolum tuum gloriosum fecisti in cœlis, et eius corpus singulari cultu venerari voluisti in terris: concede propitius, ut qui merabilem eius Translationem festivo celebramus obsequio, ad æternam gloriam, eius intercessione, trasferri mereamur. Per Dominum nostrum Iesum Christum filium tuum, qui tecum vivit et regnat in unitate Spiritus Sancti, Deus, per omnia saecula saeculorum. Amen.


Preghiamo

O Dio, che hai reso glorioso in cielo il tuo beato Apostolo Giacomo e volesti che il suo corpo fosse qui in terra venerato con uno speciale culto: concedi, propizio, che noi che celebriamo con festoso omaggio la sua mirabile Traslazione meritiamo di essere trasferiti, per sua intercessione, alla gloria eterna. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, in unità con lo Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.


Oremus.

Infra Octavam Nativitatis.

Præsta, quaesumus, omnípotens Deus: ut natus hódie Salvátor mundi, sicut divínæ nobis generatiónis est auctor; ita et immortalitátis sit ipse largítor: Qui tecum vivit et regnat in unitate Spiritus Sancti Deus per omnia saecula saeculorum. Amen.


Preghiamo

Fa, Te ne preghiamo, o Dio onnipotente, che il Salvatore del mondo, oggi nato, come è l’autore della nostra divina rigenerazione, così ci sia anche datore dell’immortalità. Lui che è Dio, e vive e regna con te, in unità con lo Spirito Santo, per tutti. Amen.



venerdì 29 dicembre 2017

San Davide, Re e Profeta



INTROITUS
Ps 97, 1.- Cantate Domino canticum novum; quia mirabilia fecit Dominus; ante gentium revelavit justitiam suam.   ~~   Ps ibid.- Salvavit sibi dextera ejus; et brachium sanctum ejus.  ~~   Glória  ~~   Cantate Domino canticum novum; quia mirabilia fecit Dominus; ante gentium revelavit justitiam suam.

Ps 97, 1.- Cantate al Signore un cantico nuovo, poiché il Signore ha fatto meraviglie: ha rivelato al cospetto delle genti la sua giustizia.  ~~   Ps ibid .- Gli ha dato vittoria la sua destra ed il suo braccio santo.  ~~   Gloria  ~~   Cantate al Signore un cantico nuovo, poiché il Signore ha fatto meraviglie: ha rivelato al cospetto delle genti la sua giustizia.


Gloria


ORATIO
Oremus
Deus, Pater omnipotens qui per os David in Spiritu Sancto tuo hymnos cantare fecisti; tribue, quæsumus: ut ejus intercessione digne sacrificium laudis perficere valeamus. Per Dominum nostrum Jesum Christum, Filium tuum: qui tecum vivit et regnat in unitate ejusdem Spiritus Sancti Deus, per omnia saecula saeculorum. Amen.

Preghiamo
O Dio Padre onnipotente, che hai fatto si che la bocca di Davide cantasse inni ispirata dal tuo Spirito Santo: fa’ che per sua intercessione noi possiamo compiere degnamente questo sacrificio di lode. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, in unità con lo Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

Orémus.
Commemoratio S. Thomæ Becket
Deus, pro cujus Ecclésia gloriósus Póntifex Thomas gládiis impiórum occúbuit: præsta, quaesumus; ut omnes, qui ejus implórant auxílium, petitiónis suæ salutárem consequántur efféctum.

Preghiamo.
O Dio, per la cui Chiesa il glorioso Pontefice Tommaso è caduto sotto la spada degli empi, fa' che tutti quelli che implorano il suo aiuto, ottengano il felice effetto delle loro preci.

Orémus.
Infra Octavam Nativitatis.
Concéde, quaesumus, omnípotens Deus: ut nos Unigéniti tui nova per carnem Natívitas líberet; quos sub peccáti jugo vetústa sérvitus tenet. Per eundem Dominum nostrum Jesum Christum, Filium tuum: qui tecum vivit et regnat in unitate Spiritus Sancti Deus, per omnia saecula saeculorum. Amen.

Preghiamo.
Concedi, o Dio onnipotente, che la nuova nascita del tuo unico Figlio secondo la carne, ci liberi dalla schiavitù antica, che ci tiene sotto il giogo del peccato. Per il medesimo nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, in unità con lo Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

LECTIO
Lectio libri Regum
I Reg 16, 4-13
Venit Samuel in Bethlehem, et admirati sunt seniores civitatis occurrentes ei: dixeruntque : Pacificusne est ingressus tuus? Et ait: Pacificus: ad immolandum Domino veni: sanctificamini, et venite mecum ut immolem. Sanctificavit ergo Isai et filios ejus, et vocavit eos ad sacrificium. Cumque ingressi essent, vidit Eliab, et ait: Num coram Domino est christus ejus ? Et dixit Dominus ad Samuelem: Ne respicias vultum ejus, neque altitudinem staturæ ejus: quoniam abjeci eum, nec juxta intuitum hominis ego judico: homo enim videt ea quæ parent, Dominus autem intuetur cor. Et vocavit Isai Abinadab, et adduxit eum coram Samuele. Qui dixit: Nec hunc elegit Dominus. Adduxit autem Isai Samma, de quo ait: Etiam hunc non elegit Dominus. Adduxit itaque Isai septem filios suos coram Samuele: et ait Samuel ad Isai: Non elegit Dominus ex istis. Dixitque Samuel ad Isai: Numquid jam completi sunt filii? Qui respondit: Adhuc reliquus est parvulus, et pascit oves. Et ait Samuel ad Isai: Mitte, et adduc eum: nec enim discumbemus priusquam huc ille veniat. Misit ergo, et adduxit eum. Erat autem rufus, et pulcher aspectu, decoraque facie: et ait Dominus: Surge, unge eum: ipse est enim. Tulit ergo Samuel cornu olei, et unxit eum in medio fratrum ejus: et directus est spiritus Domini a die illa in David, et deinceps. Surgensque Samuel abiit in Ramatha.

Samuele fece venne a Betlemme; gli anziani della città gli vennero incontro trepidanti e gli chiesero: «E' di buon augurio la tua venuta?». Rispose: «E' di buon augurio. Sono venuto per sacrificare al Signore. Provvedete a purificarvi, poi venite con me al sacrificio». Fece purificare anche Iesse e i suoi figli e li invitò al sacrificio. Quando furono entrati, egli osservò Eliab e chiese: «E' forse davanti al Signore il suo consacrato?». Il Signore rispose a Samuele: «Non guardare al suo aspetto né all'imponenza della sua statura. Io l'ho scartato, perché io non guardo ciò che guarda l'uomo. L'uomo guarda l'apparenza, il Signore guarda il cuore». Iesse fece allora venire Abìnadab e lo presentò a Samuele, ma questi disse: «Nemmeno su costui cade la scelta del Signore». Iesse fece passare Samma e quegli disse: «Nemmeno su costui cade la scelta del Signore». Iesse presentò a Samuele i suoi sette figli e Samuele ripetè a Iesse: «Il Signore non ha scelto nessuno di questi». Samuele chiese a Iesse: «Sono qui tutti i giovani?». Rispose Iesse: «Rimane ancora il più piccolo che ora sta a pascolare il gregge». Samuele ordinò a Iesse: «Manda a prenderlo, perché non ci metteremo a tavola prima che egli sia venuto qui». Quegli mandò a chiamarlo e lo fece venire. Era fulvo, con begli occhi e gentile di aspetto. Disse il Signore: «Alzati e ungilo: è lui!». Samuele prese il corno dell'olio e lo consacrò con l'unzione in mezzo ai suoi fratelli, e lo spirito del Signore si posò su Davide da quel giorno in poi. Samuele poi si alzò e tornò a Rama.

GRADUALE
Ps 88, 21
Inveni David servum meum, oleo sancto meo unxi eum; manus enim mea auxiliabitur ei, et brachium meum confortavit eum.
V. Nihil proficiet inimicus in eo, et filius iniquitatis non nocebit ei.

Ho trovato Davide mio servo: l’ho unto col mio olio santo. La mia mano lo assisterà e lo farà forte il mio braccio.
V. Non guadagnerà nulla sopra di lui il nemico: il figliuolo d’iniquità non gli nuocerà.

ALLELUIA
Alleluia, alleluia
Judic 5, 3
Audite, reges, auribus percipite, principes, ego sum, qui Domino canam, psallam Domino Deo Israel.Alleluia

Alleluia, alleluia
Udite, o re, porgetemi orecchio, o principi: Io sono colui che canterà al Signore, colui che canterà i salmi al Signore Iddio d’Israele. Alleluia

EVANGELIUM
Sequentia    sancti Evangelii secundum Matthæum
Matth 22, 41-44
In illo tempore: Congregatis autem pharisæis, interrogavit eos Jesus, dicens: Quid vobis videtur de Christo? cujus filius est? Dicunt ei: David.  Ait illis: Quomodo ergo David in spiritu vocat eum Dominum, dicens: Dixit Dominus Domino meo : Sede a dextris meis, donec ponam inimicos tuos scabellum pedum tuorum?

In quel tempo Trovandosi i farisei riuniti insieme, Gesù chiese loro: «Che ne pensate del Messia? Di chi è figlio?». Gli risposero: «Di Davide». Ed egli a loro: «Come mai allora Davide, sotto ispirazione, lo chiama Signore, dicendo: Ha detto il Signore al mio Signore: Siedi alla mia destra, finché io non abbia posto i tuoi nemici sotto i tuoi piedi?»


Dicitur Credo ratione Octavæ


OFFERTORIUM
Ps 24, 1
Ad te levavi animam meam; Deus meus, in te confido, non erubescam; neque irrideant me inimici mei; etenim universi, qui te exspectant, non confuntendur.

A te innalzai l’anima mia: Dio mio, in te confido, non abbia io ad arrossire, né mi deridano i miei nemici; imperocchè coloro che ti aspettano non saranno confusi

SECRETA
Deus, qui in humilitate flecteris et in sanctificatione placaris, respice benigne super cor contritum et humiliatum Sancti David: ut, ejus exemplo, nos spiritu conpunctionis repleti sacrificium tuum dgne offerre valeamus. Per Dominum nostrum Jesum Christum, Filium tuum: qui tecum vivit et regnat in unitate Spiritus Sancti Deus, per omnia saecula saeculorum. Amen.

O Dio che ti addolcisci con l’umiltà e ti plachi con la santificazione, riguarda benigno al cuore contrito ed umiliato del Santo Davide, onde, per sua intercessione, noi possiamo offriti degnamente, ripieni dello spirito di compunzione, il sacrificio. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, in unità con lo Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

Commemoratio S. Thomæ Becket
Múnera tibi, Dómine, dicáta sanctífica: et, intercedénte beáto Thoma Mártyre tuo atque Pontífice, per éadem nos placátus inténde.

Santifica, Signore, i doni a te consacrati: e per questi medesimi doni, intercedendo il beato Tommaso martire tuo e vescovo, guardaci con clemenza.

Infra Octavam Nativitatis.
Obláta, Dómine, múnera, nova Unigéniti tui Nativitáte sanctífica: nosque a peccatórum nostrórum máculis emúnda. Per eundem Dominum nostrum Jesum Christum, Filium tuum: qui tecum vivit et regnat in unitate Spiritus Sancti Deus, per omnia saecula saeculorum. Amen.

Santifica, o Signore, per la nuova nascita del tuo unico Figlio l'offerta dei nostri doni, e mondaci dalle macchie dei nostri peccati. Per il medesimo nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, in unità con lo Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

PRÆFATIO DE NATIVITATE DOMINI
Vere dignum et iustum est, æquum et salutáre, nos tibi semper et ubíque grátias ágere: Dómine sancte, Pater omnípotens, ætérne Deus: Quia per incarnáti Verbi mystérium nova mentis nostræ óculis lux tuæ claritátis infúlsit: ut, dum visibíliter Deum cognóscimus, per hunc in invisibílium amorem rapiámur. Et ideo cum Angelis et Archángelis, cum Thronis et Dominatiónibus cumque omni milítia coeléstis exércitus hymnum glóriæ tuæ cánimus, sine fine dicéntes

È veramente degno e giusto, conveniente e salutare, che noi, sempre e in ogni luogo, Ti rendiamo grazie, o Signore Santo, Padre Onnipotente, Eterno Iddio: Poiché mediante il mistero del Verbo incarnato rifulse alla nostra mente un nuovo raggio del tuo splendore, così che mentre visibilmente conosciamo Dio, per esso veniamo rapiti all’amore delle cose invisibili. E perciò con gli Angeli e gli Arcangeli, con i Troni e le Dominazioni, e con tutta la milizia dell’esercito celeste, cantiamo l’inno della tua gloria, dicendo senza fine

COMMUNICANTES DE NATIVITATE
Communicántes, et diem sacratíssimum celebrántes, quo beátæ Maríæ intemeráta virgínitas huic mundo édidit Salvatórem: sed et memóriam venerántes, in primis ejúsdem gloriósæ semper Vírginis Maríæ, Genetrícis ejúsdem Dei et Dómini nostri Iesu Christi: sed et beati Ioseph ejúsdem Virginis Sponsi, et beatórum Apostolórum ac Mártyrum tuórum, Petri et Pauli, Andréæ, Jacóbi, Joánnis, Thomæ, Jacóbi, Philíppi, Bartholomaei, Matthaei, Simónis et Thaddaei: Lini, Cleti, Cleméntis, Xysti, Cornélii, Cypriáni, Lauréntii, Chrysógoni, Joánnis et Pauli, Cosmæ et Damiáni: et ómnium Sanctórum tuórum; quorum méritis precibúsque concédas, ut in ómnibus protectiónis tuæ muniámur auxílio. Per eúndem Christum, Dóminum nostrum. Amen.

Uniti in una stessa comunione celebriamo il giorno santissimo nel quale l’intemerata verginità della beata Maria diede a questo mondo il Salvatore; e veneriamo anzitutto la memoria della stessa gloriosa sempre Vergine Maria, Madre del medesimo nostro Dio e Signore Gesù Cristo: del beato Giuseppe Sposo della stessa Vergine, e  dei tuoi beati Apostoli e Martiri: Pietro e Paolo, Andrea, Giacomo, Giovanni, Tommaso, Giacomo, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Simone e Taddeo, Lino, Cleto, Clemente, Sisto, Cornelio, Cipriano, Lorenzo, Crisogono, Giovanni e Paolo, Cosma e Damiano, e di tutti i tuoi Santi; per i meriti e per le preghiere dei quali concedi che in ogni cosa siamo assistiti dall'aiuto della tua protezione. Per il medesimo Cristo nostro Signore. Amen

COMMUNIO
Ps 88, 36
Semel juravi in sancto meo; semen ejus in æternum manebit, et sedes ejus sicut sol in conspectu meo, et sicut luna perfecta in æternum, et testis in cœlo fidelis.

Una volta e per sempre giurai per la mia santità: il suo seme durerà eternamente. Il trono di lui sarà dinanzi a me come il sole e come la luna piena e come il testimone fedele in cielo.

POSTCOMMUNIO
Oremus
Domine Deus, cujus Unigenitus dignatus est filius esse David; præsta, quæsumus, ut nos participatione hujus mysterii filiis Regis regum adoptione aggregemur. Per eundem Dominum nostrum Jesum Christum, Filium tuum: qui tecum vivit et regnat in unitate Spiritus Sancti Deus, per omnia saecula saeculorum. Amen.

Preghiamo
O Signore Dio, il cui Unigenito si è degnato farsi figlio di Davide, concedici di essere aggregati ai figli di adozione del Re dei re, per la partecipazione a questo mistero. Per il medesimo nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, in unità con lo Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

Orémus.
Commemoratio S. Thomæ Becket 
Hæc nos commúnio, Dómine, purget a crímine: et, intercedénte beáto Thoma Mártyre tuo atque Pontífice, coeléstis remédii fáciat esse consórtes

Preghiamo.
Questa comunione ci mondi dalla colpa, o Signore, e per l'intercessione del beato Tommaso martire tuo e vescovo, ci renda perennemente partecipi del rimedio celeste.

Orémus.
Infra Octavam Nativitatis.
Præsta, quaesumus, omnípotens Deus: ut natus hódie Salvátor mundi, sicut divínæ nobis generatiónis est auctor; ita et immortalitátis sit ipse largítor: Qui tecum vivit et regnat in unitate Spiritus Sancti Deus per omnia saecula saeculorum. Amen.

Preghiamo.
O Dio onnipotente: il Salvatore del mondo, che oggi è nato, e per il quale siamo rigenerati alla vita divina, ci faccia il dono della sua immortalità: Lui che è Dio, e vive e regna con te, in unità con lo Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.



domenica 24 dicembre 2017

Pillole di Apologetica Natalizia : Il Cristianesimo e il Sol invictus


di Giuliano Zoroddu

Se non fosse una costruzione maliziosa e fasulla che viene spacciata per la verità più vera, la teoria secondo cui la celebrazione del Natale il 25 dicembre non sarebbe altro se non una sostituzione cristiana della festa pagana del Dies natalis Solis Invicti sarebbe anche accettabile da parte di un cattolico. Sappiamo infatti che la sapienza e prudenza della Santa Madre Chiesa ha spesse volte sovrapposto le solennità del Signore, della Vergine e dei Santi a precedenti feste pagane con lo scopo di esorcizzare il potere dei demoni che attraverso l’idolatria tenevano schiave tante anime e così condurle a Gesù Cristo.
Il culto del Sole (o Sole Invitto), miscuglio di vari culti da quello di Baal a quello di Mitra, fu introdotto a Roma nel 22o dall’imperatore Elagabalo (218-222), della dinastia dei Severi, la cui madre, Giulia Soemiade, era appunto figlia del sommo sacerdote del dio solare El-Gabal, di Emesa in Siria. Dopo la damnatio memoriae di questo giovane principe dai costumi dissoluti il culto, caduto nel dimenticatoio, fu riesumato e istituzionalizzato dall’imperatore Aureliano (270-275) tra il 272 e il 274, dopo la vittoria sulla regina Zenobia di Palmira.
Inoltre va notato come la associazione Sol Invictus-25 dicembre è testimoniata solo nel Cronografo del 354: i festeggiamenti in onore del Sole furono infatti celebrati in date diverse che vanno dalla metà di ottobre al solstizio di inverno.
Al contrario la data 25 dicembre associata alla Nascita di Gesù (non alla sua celebrazione liturgica) la troviamo attestata per la prima volta in Ippolito Romano († 235): 

«Riguardo alla prima Venuta del Salvatore nella carne, nacque in Betlemme, otto giorni prima delle calende di Gennaio (25 dicembre), il quarto giorno della settimana, quando Augusto regnava già da quarantadue anni»[1]

Ippolito scrisse il passo citato verso il 204, prima della introduzione del culto solare e morì molto prima del regno di Aureliano. Il che, assieme alle ricerche israeliane sul calendario del Tempio gerosolimitano (diffuse in Italia da Vittorio Messori[2]) che dimostrano come sia effettivamente possibile che Cristo sia nato verso il 25 dicembre, abbattono le menzogne di bassa lega dei nemici della Chiesa. 
Al contrario, la divina Provvidenza che agisce in modo imperscrutabile, stabilì che l'introduzione e la propagazione in Roma del culto idolatrico ma “monoteistico” del Sol Invictus spianasse la strada alla vittoria del Cristo - chiamato nelle Scritture “Sol justitiae[3] e “Oriens[4] e associato alla luce che rischiara le tenebre del peccato[5] - sull'idolatria romana e su tutto il paganesimo e i suoi vizi.
Il sincretismo solare tipico della dinastia dei Severi infatti fece sì che mentre la Religione Cristiana era ancora illicita  e l’editto di Gallieno del 260 non avesse riconosciuta la Chiesa come societas consentita dalle leggi (pur rimanendo illicita la religio), la Chiesa Romana godesse di una benefica tolleranza e protezione e di un notevole prestigio: addirittura un cristiano nella persona di Sesto Giulio Africano fu preposto da Severo Alessandro (222-235) alla Biblioteca del Pantheon. Lo stesso Severo Alessandro che adorava (assieme ad altri personaggi) il Cristo e la cui madre, Giulia Mesa, si incontrò con Origene ad Antiochia nel 218[6].
Sempre in un ottica di sincretistica tolleranza Costanzo Cloro (293-305), padre di Costantino Magno, che era adoratore del Sole e cristianizzante, quando era Cesare di Massimiano Augusto (286-305) non perseguitò le persone ma procedette unicamente alla distruzione delle chiese.
Possiamo quindi concludere che la Chiesa sempre assistita dallo Spirito Santo, seppe brillantemente sfruttare la propagazione del culto pagano del Sole per diffondere sempre più, protetta da un’autorità che avrebbe voluto assimilarla, il culto dell’unico e vero Sole Invitto che è Nostro Signore Gesù Cristo, “Luce vera che illumina ogni uomo”[7] coi raggi della sua Verità e del suo Amore. Dopotutto Dio che per Roma aveva altri progetti sa benissimo trarre il bene della cristianizzazione dell’Impero dal male della idolatria.



[1] In Danielem, 4.23.3.
[2] http://www.vittoriomessori.it/blog/2014/04/21/accadde-davvero-un-25-dicembre/
[3] Malach. IV, 2 (Vulg.)
[4] Luc. I, 78.
[5] Cfr. Is. IX, 2. Il tema di Cristo-Luce è presente nel Vangelo di san Giovanni fin dal prologo. Molti Santi Padri, come san Gregorio Nisseno, sant’Ambrogio, sant’Agostino, fino a san Bernardo, spiegarono bene il consiglio della Provvidenza nel predestinare il 25 dicembre, giorno d’inizio dell’aumento delle ore di luce, come giorno commemorativo della nascita secondo la carne del Signore, che dirada le nebbie dell’umanità che attende il Redentore.
[6] Cfr. M. Sordi, I cristiani e l’impero romano. Nuova edizione aggiornata e riveduta, Milano, 2011, pp. 117-134.
[7] Joann. I, 9.


Fonte: Radio Spada

Santa Clotilde Regina

Clotilde nacque a Lione intorno al 475, figlia del re Childerico I, capo dei Burgundi. Nel 481 le venne ucciso il padre e allora lei, con l...