lunedì 13 novembre 2017

San Stanislao Kostka

Il 13 novembre si fa memoria di san Stanislao Kostka, nato Rostkowo (Polonia) il 28 ottobre 1550, novizio della Compagnia di Gesù e Confessore, il quale, consunto in breve tempo, coll'angelica innocenza della vita acquistò molti meriti. Rese la bella anima a Dio tra il 14 e il 15 agosto 1568. Fu beatificato da papa Paolo V il 9 ottobre 1605 e canonizzato da papa Benedetto XIII il 31 dicembre 1726, assieme a san Luigi Gonzaga. 




INTROITUS
Sap 4, 13-14 - Consummatus in brevi tempore explevit tempora multa: placita enim erat Deo anima illius: propter hoc properavit educere illum de medio iniquitatum.  ~~  Ps 112, 1 - Laudate, pueri, Dominum: laudate nomen Domini.  ~~  Gloria  ~~  Consummatus in brevi tempore explevit tempora multa: placita enim erat Deo anima illius: propter hoc properavit educere illum de medio iniquitatum.

Sap 4, 13-14 - Maturato in breve tempo egli compì in breve tempo una lunga carriera: infatti era a cara a Dio l’anima sua e per questo egli si affrettò a trarlo di mezzo alle iniquità.  ~~  Ps 112, 1 - Lodate, o fanciulli, il Signore: lodate il nome del Signore.  ~~  Gloria  ~~  Maturato in breve tempo egli compì in breve tempo una lunga carriera: infatti era a cara a Dio l’anima sua e per questo egli si affrettò a trarlo di mezzo alle iniquità.


Gloria


ORATIO
Oremus
Deus, qui inter cetera sapientiae tuae miracula etiam in tenera aetate maturae sanctitatis gratiam contulisti: da, quaesumus; ut beati Stanislai exemplo tempus instanter operando redimentes, in aeterno ingredi requiem festinemus. Per Dominum nostrum Iesus Christum Filium tuum, qui tecum vivit et regnat in unitate Spiritus Sancti Deus, per omnia saecula saeculorum. Amen

Preghiamo
O Dio, che fra i tanti miracoli della tua sapienza hai concesso la grazia di una santità matura anche nell’età giovanile: concedici, sull’esempio di San Stanislao, che, ben profittando delle attività del tempo presente, ci affrettiamo ad entrare nel riposo eterno. Per il nostro Signore Gesù Cristo tuo Figlio che è Dio e vive e regna con te nell’unità dello Spirito Santo per tutti i secoli dei secoli. Amen

LECTIO
Lectio libri Sapientiae
Sap 4, 7-16
Iustus, si morte praeoccupatus fuerit, in refrigerio erit. Senectus enim venerabilis est non diuturna, neque annorum numero computata:cani autem sunt senus hominis, aetas senectutis vita immaculata. Placens Deo factus est dilectus, et vivens inter peccatores translatus est. Raptus est, ne malitia mutaret intellectum eius, aut ne fictio deciperet animam illius. Fascinatio enim nugacitatis obscurat bona, et incostantia concupiscentiae transvertit sensum sine malitia. Consummatus in brevi explevit tempora multa:placita enim erat Deo anima illius: propter hoc properavit educere illum de medio iniquitatum: populi autem videntes, et inon intelligentes, nec ponentes in praecordiis talia: quoniam gratia Dei, et misericordia est in sanctos eius. Condemnat autem iustus mortuus vivos impios, et iuventus celerius consummata longam vitam iniusti.

Il giusto, se muore anzitempo, trova riposo. Perocché venerabile vecchiezza non è quella di lunga durata e non si estima dal numero degli anni. La canizie dell’uomo è nei suoi sentimenti e la vita immacolata è vecchiezza. Perché egli piacque a Dio, fu amato da lui, e perché fu trasportato altrove di mezzo ai peccatori. Fu rapito affinché la malizia non alterasse il suo spirito o la seduzione non inducesse la sua anima in errore. Perocché il fascino della vanità oscura il bene e la vertigine della concupiscenza sovverte l’animo sincero. Maturato in breve tempo, compì una lunga carriera. Infatti era cara a Dio l’anima di lui: per questo egli si affrettò a trarlo di mezzo alle iniquità. Le genti poi vedono queste cose e non le comprendono, né riflettono in cuor loro come questo sia la grazia di Dio e la sua misericordia versoi suoi santi, e come egli abbia cura dei suoi eletti. Ma il giusto morto condanna gli empi che vivono e la giovinezza presto estinta condanna la lunga vita del peccatore.

GRADUALE
Ps 20, 3-4
Desiderium cordis eius tribuisti: et voluntate labiorum eius non fraudasti eum.
V. Quoniam praevenisti eum in benedictionibus dulcedinis.

Tu hai adempiuti i desideri del suo cuore e non hai resi vani i voti delle sue labbra.
V. Imperocché tu lo hai prevenuto con le benedizioni della tua bontà.

ALLELUIA
Alleluia, alleluia
Ps 118, 152
Initio cognovi de testimoniis tuis, quia in aeternum fundasti ea. lleluia

Alleluia, alleluia
Fin dal principio io conobbi che i tuoi precetti li hai stabiliti per tutta l’eternità. Alleluia

EVANGELIUM
Sequentia    sancti Evangelii secundum Matthaeum
Matth 19, 13-21
In illo tempore: Oblati sunt Iesu parvuli, ut manus eis imponeret et oraret. Discipuli autem increpabant eos. Iesus vero ait eis: Sinite parvulos, et nolite eos prohibere ad me venire: talium est enim regnum coelorum. Et cum imposuisset eis manus, abiit inde. Et ecce, unus accedens, ait illi: Magister bone, quid boni faciam, ut habeam vitam aeternam? Qui dixit ei: Quid me interrogas de bono? Unus est bonus, Deus. Si autem vis ad vitam ingredi serva mandata. Dicit illi: Quae? Iesus autem dixit. Non adulterabis: Non facies furtum: Non falsum testimonium dices: Honora patrem tuum et matrem tuam, et diliges proximum tuum sicu teispsum. Dici illi adolescens: Omnia haec custodivi a iuventute mea: quid adhuc mihi deest? Ait illi Iesus: Si vis perfectus esse, vade, vende, quae habes, et da pauperibus, et habebis thesaurum in coelo: et veni, sequere me.

In quel tempo, furono portati a Gesù dei bambini perché imponesse loro le mani e pregasse; ma i discepoli li sgridavano. Gesù però disse loro: «Lasciate che i bambini vengano a me, perché di questi è il regno dei cieli». E dopo avere imposto loro le mani, se ne partì. Ed ecco un tale gli si avvicinò e gli disse: «Maestro, che cosa devo fare di buono per ottenere la vita eterna?». Egli rispose: «Perché mi interroghi su ciò che è buono? Uno solo è buono. Se vuoi entrare nella vita, osserva i comandamenti». Ed egli chiese: «Quali?». Gesù rispose: «Non uccidere, non commettere adulterio, non rubare, non testimoniare il falso, onora il padre e la madre, ama il prossimo tuo come te stesso». Il giovane gli disse: «Ho sempre osservato tutte queste cose; che mi manca ancora?». Gli disse Gesù: «Se vuoi essere perfetto, va', vendi quello che possiedi, dallo ai poveri e avrai un tesoro nel cielo; poi vieni e seguimi»

OFFERTORIUM
Ps 42,4
Introibo ad altare Dei: ad Deum, qui laetificat iuventutem meam.

Mi accosterò all’altare di Dio: a Dio che dà gioia alla mia giovinezza.

SECRETA
Angelorum pane, quaesumus, Domine, beati Stanislai nos intercessio dignos efficiat,qui eo meruit angelica manu recreari. Per Dominum nostrum Iesum Chrisrum Filium tuum, qui tecum vivit et regnat in unitate Spiritus Sancti Deus, per omnia saecula saeculorum. Amen

Ci renda degni del pane degli Angeli, o Signore, l’intercessione di San Stanislao,che meritò di essere ricreato nel riceverlo dalle mani dell’Angelo. Per il nostro Signore Gesù Cristo tuo Figlio che è Dio e vive e regna con te nell’unità dello Spirito Santo per tutti i secoli dei secoli. Amen

COMMUNIO
Eccli 15, 3
Cibavit illum Dominus pane vitae et intellectus, et aqua sapientiae salutaris potavit illum.

Il Signore lo ha nutrito col pane della vita e dell’intelligenza e gli ha dato da bere l’acqua della sapienza e della salvezza.

POSTCOMMUNIO
Oremus
Ut nobis, Domine, celesti, quem sumpsimus, panis sit vitae: beato Stanislao Confessore tuo intercedente, quaesumus; ut panis sit intellectus, et potus aqua sapientiae salutaris. Per Dominum nostrum Iesum Chrisrum Filium tuum, qui tecum vivit et regnat in unitate Spiritus Sancti Deus, per omnia saecula saeculorum. Amen

Preghiamo
Affinché il pane celeste di cui ci siamo nutriti sia alimento di vita, fa',o Signore che per l'intercessione del tuo santo confessore Stanislao, il pane ci dia intelligenza e il vino bevanda di sapienza salutare. Per il nostro Signore Gesù Cristo tuo Figlio che è Dio e vive e regna con te nell’unità dello Spirito Santo per tutti i secoli dei secoli. Amen





Nessun commento:

Posta un commento

Santa María de Cervelló

La nobile María de Cervelló (o Cervellon,  Cervellione in italiano) nacque a Barcellona il 1° dicembre 1230. È attratta dalla magnifica ope...