mercoledì 13 giugno 2018

Benedizione dei gigli e dei pani di sant'Antonio di Padova

Nella festa di sant’Antonio si usa benedire due sacramentali in particolare: il pane (sacramentale più noto) e i gigli, simboli della verginità intemerata del Santo Taumaturgo. La benedizione del pane è legata al miracolo  della risurrezione del piccolo Tommasino. Lasciato incautamente dalla madre accanto a un recipiente pieno d’acqua, il bimbo annega. Quando la donna se ne accorge, la testa del figlio è ormai sul fondo del recipiente. Il piccino di soli 20 mesi viene tirato fuori dal mastello ormai rigido e morto. La mamma fa voto di distribuire ai poveri la quantità di grano corrispondente al peso del bimbo, se Antonio lo resuscita. Così avviene: il bambino torna in vita.


BENEDIZIONE DEL PANE

V. Adjutorium nostrum in nomine Domini.
R. Qui fecit cœlum et terram.
V. Dominus vobiscum.
R. Et cum spiritu tuo

Oremus
Domine Jesu Christe, panis Angelorum, panis vivus æternæ vitæ, benedicere dignare panem istum, sicut benedixisti quinque panes in deserto: ut omnes ex eo gustantes,  beato Antonio Confessore tuo atque Doctore   intercedente, inde corporis et animæ percipiant sanitatem: Qui vivis et regnas in sæcula sæculorum. Amen

Preghiamo
Signore Gesù Cristo, pane degli Angeli, pane vivo della vita eterna, degnati benedire questo pane come benedicesti i cinque pani nel deserto: onde a quanti ne mangeranno, per intercessione del beato Antonio tuo Confessore e Dottore, tornino salutari per l’anima e il corpo. Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli. Amen

Quindi il Sacerdote asperge i pani con l’acqua benedetta.
  

BENEDIZIONE DEI GIGLI
(Ex Rituali Seraphico)

V. Adjutorium nostrum in nomine Domini.
R. Qui fecit cœlum et terram.
V. Dominus vobiscum.
R. Et cum spiritu tuo

Oremus.
Deus, Creator et Conservator generis humani, sanctae puritatis amator, dator gratiae spiritualis et largitor æternæ salutis, benedictione tua sancta, benedic hæc lilia, quae pro gratiis exsolvendis, in honorem sancti Antonii Confessoris tui, supplices hodie tibi præsentamus, et petimus benedici. Infunde illis, salutari signaculo sanctissimæ Crucis, rorem celeste. Tu benignissime, qui ea ad odoris suavitatem, depellendasque infirmitates, humano usui tribuisti; tali virtute reple et confirma, ut quibuscunque morbis adhibita, seu in domibus locisque posita, vel cum devotione portata fuerint, intercedente eodem famulo tuo Antonio, fugent dæmones, continentiam salutarem inducant, languores avertant, tibique servientientibus pacem, et gratiam concilient. Per Christum Dominum nostrum. Amen.

Preghiamo.
Dio, creatore e conservatore del genere umano, amante della santa purezza, che dai ogni grazia spirituale ed elargisci l’eterna salvezza, benedici questi gigli che, in rendimento di grazie, presentiamo a te in onore di sant’Antonio tuo confessore, perché tu li benedica. Per mezzo del segno di salvezza della santa  Croce infondi in questi gigli la tua celeste rugiada. Nella tua bontà li hai dati all’uomo perché li usasse come soave profumo e per allontanare le infermità, colmali della tua potenza e rendila forte in essi affinché, adoperati contro qualsiasi infermità o conservati nelle case o in altri luoghi, o portati con devozione, per intercessione del tuo servo Antonio, scaccino i demoni, inducano ad una salutare castità, allontanino le malattie, e ottengano pace e grazia a tutti coloro che fedelmente ti servono. Per Cristo nostro Signore. Amen

Il sacerdote asperge i gigli dicendo l’antifona Asperges

V. Ora pro nobis, beate Antoni.
R. Ut digni efficiamur promissionibus Christi.

Oremus.
Subveniat plebi tuæ, quæsumus, Domine, præclari Confessoris tui  beati Antonii devota et jugis deprecatio: quæ in præsenti nos tua gratia dignos efficiat, et in futuro gaudia donet æterna. Per Christum Dominum nostrum. Amen.

Preghiamo
La devota e costante invocazione che rivolgiamo al tuo insigne confessore  sant’Antonio, sostenga il tuo popolo, o Signore: essa ci renda degni delle tua grazia in questa vita e ci assicuri in   futuro l’eterna felicità. Per Cristo nostro Signore. Amen.

Nessun commento:

Posta un commento

Supplica a Nostra Signora di Loreto

"È provato da testimoni degni di fede che la Santa Vergine, dopo aver trasportato per l’onnipotenza divina, la sua immagine e la prop...