sabato 28 aprile 2018

San Luigi Maria Grignion de Montfort


San Luigi Maria Grignion de Montfort, Sacerdote bretone, Fondatore dei Missionari della Società di Maria e delle Figlie della Sapienza, su mandato di Clemente XI predicò per tutta la Francia occidentale dal 1706 alla morte. Uomo di vita apostolica, “la Croce di Gesù, la Madre di Gesù: sono i due poli della sua vita personale e del suo apostolato” (Pio XII). Con la predicazione della Passione del Signore, soprattutto mediante la costruzione di “calvari”, ridusse molti alla penitenza. Devoto servo della Vergine Maria, via necessaria per arrivare a Cristo, nel Trattato della vera devozione alla Santa Vergine  “distingue con pochi tratti questa autentica devozione da una falsa devozione più o meno superstiziosa, che, col pretesto di qualche pratica esterna e di qualche sentimentalismo superficiale, pretendesse lasciar vivere come ad ognuno talenta e rimanere in peccato, presumendo di ricevere una grazia straordinaria all’ultima ora” (Pio XII). Consumato dalle fatiche e dalle sofferenze, muore il 28 aprile 1716, quarantatreenne, al suo posto di combattimento, vero soldato di Gesù e Maria, predicando una missione a Saint-Laurent-sur-Sèvre. Papa Leone XIII lo proclamava beato il 22 gennaio 1888 e Papa Pio XII lo elevava alla gloria dei Santi il 20 luglio 1947. I suoi scritti - tra i quali L'amore dell'Eterna SapienzaIl segreto di Maria e Il Segreto ammirabile del santo Rosario - sono ancora oggi proficui per una buona vita spirituale.
  

INTROITUS
Isai 52, 7.- Quam pulchri super montes pedes annuntiantis et prædicantis pacem; annuntiantis bonum, prædicantis salutem, dicentis Sion: Regnabit Deus tuus! (T.P. Allelúja, allelúja.)  ~~  Ps 48, 2.- Audite hæc, omnes gentes; auribus percipite, omnes qui habitatis orbem.  ~~  Glória  ~~  Quam pulchri super montes pedes annuntiantis et prædicantis pacem; annuntiantis bonum, prædicantis salutem, dicentis Sion: Regnabit Deus tuus! (T.P. Allelúja, allelúja.)

Isai 52, 7.- Come sono belli sui monti i piedi del messaggero di lieti annunzi che annunzia la pace, messaggero di bene che annunzia la salvezza, che dice a Sion: «Regnerà il tuo Dio» (T.P. Alleluia, alleluia)  ~~  Ps 48, 2.- Ascoltate, popoli tutti, porgete orecchio abitanti del mondo.  ~~  Gloria  ~~  Come sono belli sui monti i piedi del messaggero di lieti annunzi che annunzia la pace, messaggero di bene che annunzia la salvezza, che dice a Sion: «Regnerà il tuo Dio». (T.P. Alleluia, alleluia) 


Gloria


ORATIO
Oremus
Deus, qui sanctum Ludovicum Mariam regni Unigeniti Filii tui præconem eximium effecisti, et geminam per eum familiam religiosam in Ecclesia tus suscitasti: concede, propitius; ut, ipsius monitis et exemplo, eidem dilecto Filio tuo, sub suavi jugo beatissimæ Virginis et Matris ejus, perenniter servivere valeamus: qui tecum vivit et regnat in unitate Spiritus Sancti Deus, per omnia saecula saeculorum. Amen.

Dio, che hai reso san Luigi Maria esimio precone del Regno del tuo Unigenito Figlio e per mezzo suo hai suscitato in seno alla tua Chiesa una duplice famiglia religiosa: concedi, propizio, che col suo insegnamento ed il suo esempio, possiamo servire perennemente, sotto il giogo soave della beatissima Vergine, sua Madre, lo stesso diletto tuo Figlio che è Dio, e vive e regna con te, in unità con lo Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

LECTIO
Lectio Epistolæ beati Pauli Apostolia ad Corinthios
1 Cor 1, 17-25
Fratres: Non misit me Christus baptizare, sed evangelizare: non in sapientia verbi, ut non evacuetur crux Christi. Verbum enim crucis pereuntibus quidem stultitia est: iis autem qui salvi fiunt, id est nobis, Dei virtus est. Scriptum est enim : Perdam sapientiam sapientium, et prudentiam prudentium reprobabo. Ubi sapiens? ubi scriba? ubi conquisitor hujus sæculi? Nonne stultam fecit Deus sapientiam hujus mundi? Nam quia in Dei sapientia non cognovit mundus per sapientiam Deum: placuit Deo per stultitiam prædicationis salvos facere credentes. Quoniam et Judæi signa petunt, et Græci sapientiam quærunt: nos autem prædicamus Christum crucifixum: Judæis quidem scandalum, gentibus autem stultitiam, ipsis autem vocatis Judæis, atque Græcis Christum Dei virtutem, et Dei sapientiam: quia quod stultum est Dei, sapientius est hominibus : et quod infirmum est Dei, fortius est hominibus.

Fratelli, Cristo non mi ha mandato a battezzare, ma a predicare il vangelo; non però con un discorso sapiente, perché non venga resa vana la croce di Cristo. La parola della croce infatti è stoltezza per quelli cha vanno in perdizione, ma per quelli che si salvano, per noi, è potenza di Dio. Sta scritto infatti: Distruggerò la sapienza dei sapienti e annullerò l'intelligenza degli intelligenti. Dov'è il sapiente? Dov'è il dotto? Dove mai il sottile ragionatore di questo mondo? Non ha forse Dio dimostrato stolta la sapienza di questo mondo? Poiché, infatti, nel disegno sapiente di Dio il mondo, con tutta la sua sapienza, non ha conosciuto Dio, è piaciuto a Dio di salvare i credenti con la stoltezza della predicazione. E mentre i Giudei chiedono i miracoli e i Greci cercano la sapienza, noi predichiamo Cristo crocifisso, scandalo per i Giudei, stoltezza per i pagani; ma per coloro che sono chiamati, sia Giudei che Greci, predichiamo Cristo potenza di Dio e sapienza di Dio. Perché ciò che è stoltezza di Dio è più sapiente degli uomini, e ciò che è debolezza di Dio è più forte degli uomini.

GRADUALE
Ps 85, 9-0
Omnes gentes quascumque fecisti venient, et adorabunt coram te, Domine, et glorificabunt nomen tuum.
V. Quoniam magnus es tu, et faciens mirabilia; tu es Deus solus.

Tutti i popoli che hai creato verranno e si prostreranno davanti a te, o Signore, per dare gloria al tuo nome
V. Grande tu sei e compi meraviglie: tu solo sei Dio.

Nel tempo fra l’anno dopo il Graduale si dice
Alleluja, alleluja
1 Cor 23-24
Nos autem prædicamus Christum crucifixum: Dei virtutem, et Dei sapientiam. Alleluja

Alleluia, alleluia
Noi predichiamo Cristo crocefisso che è potenza di Dio e sapienza di Dio.  Alleluia

Nel tempo di Pasqua, omesso il Graduale, si dice
Alleluja, alleluja
1 Cor 23-24
Nos autem prædicamus Christum crucifixum: Dei virtutem, et Dei sapientiam Alleluja
Eccli 3, 5-6
Sicut qui thesaurizat, ita et qui honorificat matrem: et in die orationis suæ exaudietur. Alleluja

Alleluia, alleluia
Noi predichiamo Cristo crocefisso che è potenza di Dio e sapienza di Dio.  Alleluia
Chi riverisce la madre è come chi accumula tesori: questi sarà esaudito nel giorno della sua preghiera. Alleluia

EVANGELIUM
Sequentia sancti Evangelii secundum Joannem
Jo 19, 25-27
In illo témpore: Stabant juxta Crucem Jesu Mater ejus, et soror Matris ejus, María Cléophæ, et María Magdaléne. Cum vidísset ergo Jesus Matrem, et discípulum stantem, quem diligébat, dicit Matri suæ: Múlier, ecce fílius tuus. Deinde dicit discípulo: Ecce Mater tua. Et ex illa hora accépit eam discípulus in sua.

In quel tempo, stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria di Clèofa, e Maria Maddalena. Gesù, dunque, vedendo la madre e accanto a lei il discepolo che amava, disse a sua madre: «Donna, ecco tuo figlio». Poi disse al discepolo: «Ecco tua madre». E da quell'ora il discepolo la prese con sé.

OFFERTORIUM
Ps 115, 6-7
O Domine, quia ego servus tuus; ego servus tuus, et filius ancillæ tuæ. Dirupisti vincula mea: tibi sacrificabo hostiam laudis. (T.P. Alleluja)

Io sono il tuo servo, Signore, io sono tuo servo, figlio della tua ancella; hai spezzato le mie catene: a te offrirò sacrifici di lode. (T.P. Alleluia)

SECRETA
Munera altari tuo, Domine, superposita, sancto Ludovico Maria intercedente, propitius respice, ac nos quoque per beatissimam Virginem Mariam hostias tibi placentes efficere dignare. Per Dominum nostrum Jesum Christum, Filium tuum: qui tecum vivit et regnat in unitate Spiritus Sancti Deus, per omnia saecula saeculorum. Amen.

I doni che abbiamo deposto sul tuo altare, o Signore, riguardali propizio, per l’intercessione di san Luigi Maria, e, per mezzo della beatissima Vergine Maria degnati di farci vittime a te gradite. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, in unità con lo Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

COMMUNIO
Eccli 3, 5-6
Sicut qui thesaurizat, ita et qui honorificat matrem: et in die orationis suæ exaudietur. (T.P. Alleluja)

Chi riverisce la madre è come chi accumula tesori: questi sarà esaudito nel giorno della sua preghiera. (T.P. Alleluia)

POSTCOMMUNIO
Oremus
Gartia tua nos, Domine, non derelinquat: quæ, sancto Ludovivo Maria intercedente, et sacræ nos deditos faciat servituti, et tuam nobis, per Virginem Matrem, opem semper acquirat. Per Dominum nostrum Jesum Christum, Filium tuum: qui tecum vivit et regnat in unitate Spiritus Sancti Deus, per omnia saecula saeculorum. Amen.

Preghiamo
Non ci abbandoni, o Signore, la tua grazia: essa faccia che, per l’intercessione di san Luigi Maria, ci sottomettiamo in santa schiavitù e, per mezzo della Vergine Madre, ci dia maggior forza. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, in unità con lo Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.





Nessun commento:

Posta un commento

Supplica a Nostra Signora di Loreto

"È provato da testimoni degni di fede che la Santa Vergine, dopo aver trasportato per l’onnipotenza divina, la sua immagine e la prop...